Pubblicate le indicazioni operative di unioncamere in merito alla vidimazione dei registri di carico e scarico

Come è ormai noto a chi opera nel settore della gestione dei rifiuti, lo scorso settembre sono entrati in vigore i quattro Decreti Legislativi per l’attuazione delle Direttive Europee contenute nel “Pacchetto Economia Circolare”, adottato dall’Unione Europea a luglio del 2018.
La riforma delle norme sui rifiuti ha inevitabilmente influito sull’operatività dei soggetti coinvolti.
Nel caso specifico, la modifica dell’articolo 190 “Registro cronologico di carico e scarico” del D.lgs. 152/2006 seguita al recepimento delle Direttive comunitarie n. 851 e 852 del 2018, per effetto del D.lgs. 116/2020, ha generato non pochi dubbi d’interpretazione rendendo necessario un ulteriore chiarimento dal punto di vista operativo.

Sul sito di Ecocamere, in data 05 febbraio 2021, leggiamo infatti:
‹‹A fronte delle difficoltà segnalate dalle imprese in merito all’interpretazione della normativa, Unioncamere ha predisposto una nota che fornisce indicazioni alle Camere di commercio sulla vidimazione dei Registri di carico e scarico dei rifiuti››

Tra i punti controversi la modalità di numerazione delle pagine dei registri in relazione all’introduzione della parola “cronologico” nella definizione dei registri di carico e scarico.
Unioncamere, riprendendo quanto affermato dall’Agenzia delle Entrate a proposito di libri e registri contabili, precisa che la numerazione progressiva delle pagine del registro di carico e scarico dev’essere effettuata prima del suo utilizzo, avendo cura d’indicare su ogni pagina l’anno di riferimento; per completezza d’informazione, ricordiamo che quello da indicare è l’anno di riferimento della contabilità e non quello in cui si effettua la stampa delle pagine.

Sostanzialmente quindi, in base a quanto scrive Unioncamere in merito alla vidimazione dei Registri di carico e scarico, non ci sono di fatto novità ma restano valide le modalità operative in essere.

Roberto Ribaudo
COO di Computer Solutions

Continua a leggere…

  • 24 Aprile 2024 |

    Quali sono le ragioni ostative all'iscrizione di una società in white list? Leggiamo la sentenza del Consiglio di Stato. La recente sentenza ha per oggetto le ragioni ostative all’iscrizione di una società in white list [...]

  • 17 Aprile 2024 |

    Applicazione della disciplina di cui all’articolo 30-bis del decreto-legge 8 aprile 2020, n. 23 nell’ambito della gestione dei rifiuti sanitari sterilizzati. Il MASE con l’interpello chiarisce che i rifiuti sanitari infettivi, se assoggettati ad un [...]

  • 3 Aprile 2024 |

    Chiarimenti in merito alle attività di messa in riserva R13 a seguito di lavorazione in R12. Allegato C, parte IV, D. Lgs. 152/06 La Provincia di Viterbo ha richiesto un’interpretazione della vigente normativa in materia  [...]

  • 24 Aprile 2024 |

    Quali sono le ragioni ostative all'iscrizione di una società in white list? Leggiamo la sentenza del Consiglio di Stato. La recente sentenza ha per oggetto le ragioni ostative all’iscrizione di una società in white list [...]

  • 17 Aprile 2024 |

    Applicazione della disciplina di cui all’articolo 30-bis del decreto-legge 8 aprile 2020, n. 23 nell’ambito della gestione dei rifiuti sanitari sterilizzati. Il MASE con l’interpello chiarisce che i rifiuti sanitari infettivi, se assoggettati ad un [...]

  • 3 Aprile 2024 |

    Chiarimenti in merito alle attività di messa in riserva R13 a seguito di lavorazione in R12. Allegato C, parte IV, D. Lgs. 152/06 La Provincia di Viterbo ha richiesto un’interpretazione della vigente normativa in materia  [...]

  • 25 Marzo 2024 |

    La sentenza in commento – C. Cass. n. 685/2024 – è stata pronunciata a seguito del ricorso proposto da un soggetto condannato dal Tribunale per il reato di trasporto abusivo di rifiuti (art. 256, co. [...]