Il 1° Gennaio 2021 è entrato in vigore il Regolamento UE 2020/2174 che modifica il Regolamento (CE) N. 1013/2006 in materia di spedizione di rifiuti.

Altra novità in campo di normativa che regola il settore dei rifiuti: il 1° gennaio 2021 è entrato in vigore il Regolamento UE 2020/2174 che modifica gli allegati I C, III, III A, IV, V, VII E VIII del Regolamento (CE) n. 1013/2006 del parlamento europeo e del consiglio relativo alle spedizioni di rifiuti.

Cosa comporta?

Sostanzialmente sono state inserite alcune nuove voci relative ai rifiuti di plastica e sono state modificate le regole d’importazioneesportazione e spedizione all’interno dell’Unione Europea, in alcuni casi inasprendole in altri arrivando a bloccare qualsiasi attività. Di conseguenza, le esportazioni dall’ Unione e le importazioni nell’ Unione di rifiuti di plastica di cui alle voci AC300 e Y48, destinate a, o provenienti da, paesi terzi ai quali si applica la decisione OCSE, saranno soggette alla procedura di notifica e autorizzazione preventiva scritta, mentre, conformemente all’articolo 36, paragrafo 1, lettere a) e b), e all’allegato V del regolamento (CE) n. 1013/2006, sono vietate le esportazioni di rifiuti di plastica di cui alle voci A3210 e Y48 destinate a paesi terzi ai quali non si applica la decisione OCSE.

Ancora: vengono introdotte due nuove voci per le spedizioni di rifiuti di plastica non pericolosi all’interno dell’Unione, EU3011 e EU48, mentre le nuove voci B3011 e Y48 della convenzione di Basilea definiscono le spedizioni di plastiche non pericolose destinate a, o provenienti da, paesi terzi ai quali si applica la decisione OCSE.

Per quanto riguarda le esportazioni di rifiuti di plastica non pericolosi associati al nuovo codice B3011 verso Paesi non OCSE, è la Circolare del MATTM del 24 dicembre 2020 ad aver stabilito che tali esportazioni sono soggette a procedura di notifica ed autorizzazione preventiva scritta già dal 1° gennaio 2021, sebbene siamo in attesa del previsto emendamento del Regolamento (CE) n. 1418/2007.
Solo una nota: la voce B3011, che sostituisce la B3010 ora soppressa, stabilisce che, i rifiuti di plastica non pericolosi possono essere esportati/importati solo nel caso in cui vengano avviati alle operazioni di riciclaggio/recupero delle sostanze organiche non utilizzate come solventi (R3 nell’allegato IV, sezione B) previa selezione e, se necessario, deposito limitato a un solo caso, purché seguito dall’operazione R3 e comprovato dalla documentazione contrattuale o ufficiale pertinente.

Roberto Ribaudo

Articoli recenti

Seguici sui social

Seguici su Facebook
Seguici su Instagram
Seguici su Linkedin
Seguici su YouTube

Continua a leggere…

  • Decreto 27 Settembre 2022, n. 152
    31 Ottobre 2022 |

    Chiariti i criteri in merito alla “cessazione della qualifica di rifiuto dei rifiuti inerti da costruzione e demolizione e di altri rifiuti inerti di origine minerale” È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il tanto atteso [...]

    LEGGI
  • 3 Ottobre 2022 |

    APPROVATO IL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE “DISPOSIZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE AL DECRETO LEGISLATIVO 3 SETTEMBRE 2020, N. 116 A soli 2 anni dalla pubblicazione del Decreto correttivo n. 116, del 3 settembre 2020, il Consiglio dei Ministri, [...]

    LEGGI
  • rifiuti inerti
    25 Luglio 2022 |

    Firmato, ma in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, il Decreto Ministeriale del MITE che stabilisce i criteri specifici nel rispetto dei quali i rifiuti inerti dalle attività di costruzione e demolizione e i rifiuti inerti di origine minerale sottoposti a [...]

    LEGGI