Nuove prescrizioni per stimolare il processo di digitalizzazione delle pratiche amministrative.

Dal prossimo 01 luglio 2018 diverrà obbligatoria la fatturazione elettronica tra imprese (B2B) per le cessioni di carburante per autotrazione presso gli impianti stradali verso tutti i Soggetti titolari di partita Iva e dal 01 gennaio 2019 tale obbligo si estenderà a tutti i soggetti (con poche eccezioni sono esentati solo i “soggetti passivi” che rientrano nel cosiddetto “regime di vantaggio” e quelli che applicano il regime forfettario”).
Altre due opportunità derivano dall’introduzione, sempre nella stessa norma, di un nuovo articolo al D. Lg. 152/2006 il “194-bis” che specifica, al comma 1 che “gli adempimenti relativi alle modalità di compilazione e tenuta del registro di carico e scarico e del formulario di trasporto dei rifiuti di cui agli articoli 190 e 193 del presente decreto possono essere effettuati in formato digitale” ed al comma successivo cita “il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare può, con proprio decreto, predisporre il formato digitale degli adempimenti di cui al comma 1“ (regi-stri di carico e scarico e formulari).
Immediatamente applicabile, infine, la previsione del comma 3 del nuovo articolo 194-bis, secondo la quale “è consentita la trasmissione della quarta copia del formulario di trasporto dei rifiuti … anche mediante posta elettronica certificata”

Obblighi o opportunità?

Indubbiamente gli atti normativi rappresentano una forte spinta verso la digitalizzazione dei pro-cessi amministrativi ed è stata proprio questa osservazione che ha fatto nascere in noi un’importante intuizione per cogliere l’opportunità e non fermarci all’obbligo: semplificare, pensando e realizzando un sistema unico in grado di sintetizzare la risposta alle esigenze conseguenti alle evoluzioni normative da parte degli Utenti dei nostri applicativi.

La suite Progetto Sm@.R.T.® copre tutti gli ambiti di gestione menzionati: emette fatture per i ser-vizi collegati alla raccolta ed avviamento a smaltimento e recupero dei rifiuti, produce i registri di carico/scarico FIR e attiva il processo di comunicazione della 4^ copia del FIR al produttore. Pertanto, ci è sembrato naturale pensare di arricchire la suite con funzioni integrate che risolvano “con un solo click” le nuove incombenze dettate dalla norma; abbiamo quindi ragionato nell’ottica di evoluzione delle “prestazionalità” del sistema trasformandole in opportunità di razionalizzazione e realizzazione di risparmi.
Anticipando i tempi come da sua consuetudine, Computer Solutions Spa organizza, da più di un anno ormai, delle vere e proprie “Academy” rivolte al mercato per divulgare la Conservazione Sostitutiva dei documenti inerenti alla gestione amministrativa dei rifiuti e la transizione verso il “paperless office”, ritenendo il raggiungimento di tale stato operativo estremamente conveniente per la nostra clientela. Nella stessa ottica si collocano i provvedimenti normativi sopra elencati e possiamo permetterci di affermare che i prodotti di Computer Solutions Spa sono, non solo allineati e allineabili alle situazioni tecniche e tecnologiche presenti presso i Clienti, ma del tutto pronti all’uso. È ovviamente necessario verificare le condizioni di contorno indispensabili per attivare in modo completo e soddisfacente le nuove funzionalità (presenza di sistemi di gestione documentale, di conservazione sostitutiva, strumenti di digitalizzazione dei documenti non digitali in origine, etc.), ma per il resto, è sufficiente attivare i moduli software che le realizzino operativamente.

Raggiungere l’obiettivo della digitalizzazione delle pratiche amministrative non è un percorso semplice ma, sia dal punto di vista del legislatore che da quello del consulente informatico, è comunque un percorso obbligato. Vale sempre la pena trasformare l’obbligo in opportunità e dare una sferzata di ammodernamento a tutte le prassi sedimentate; un ufficio efficiente è anche più efficace e comporta un notevole risparmio di costi e di assenza di errori.
Computer Solutions Spa è il partner adatto ad affiancare le Imprese in questo nuovo percorso di ammodernamento e di razionalizzazione e chiudo la mia riflessione ricordando a chi mi legge, che gli investimenti in ICT sono oggetto di specifici aiuti finanziari alle imprese, per cui il costo delle azioni intraprese in tale direzione può essere effettivamente mitigato, motivo di più per cominciare a… fare innovazione intelligente.

Enrico Agostini – 22 marzo 2018

Articoli recenti

Seguici sui social

Seguici su Facebook
Seguici su Instagram
Seguici su Linkedin
Seguici su YouTube

Continua a leggere…

  • Decreto 27 Settembre 2022, n. 152
    31 Ottobre 2022 |

    Chiariti i criteri in merito alla “cessazione della qualifica di rifiuto dei rifiuti inerti da costruzione e demolizione e di altri rifiuti inerti di origine minerale” È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il tanto atteso [...]

    LEGGI
  • 3 Ottobre 2022 |

    APPROVATO IL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE “DISPOSIZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE AL DECRETO LEGISLATIVO 3 SETTEMBRE 2020, N. 116 A soli 2 anni dalla pubblicazione del Decreto correttivo n. 116, del 3 settembre 2020, il Consiglio dei Ministri, [...]

    LEGGI
  • rifiuti inerti
    25 Luglio 2022 |

    Firmato, ma in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, il Decreto Ministeriale del MITE che stabilisce i criteri specifici nel rispetto dei quali i rifiuti inerti dalle attività di costruzione e demolizione e i rifiuti inerti di origine minerale sottoposti a [...]

    LEGGI