Pubblicato sulla gazzetta ufficiale del 31 maggio 2021 il d.l. 77/21 per l’attuazione dei progetti previsti dal PNRR

Pubblicato il D.L. 77/21 contenente la Governance del Piano nazionale di rilancio e resilienza e le prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure.

Quali sono le principali novità che coinvolgono il mondo dei rifiuti?

Prima di tutto il fatto che torna ad essere valido il catalogo dei rifiuti in vigore precedentemente al Decreto 116/20; in secondo luogo le novità relative all’End of Waste e alla definizione di quei rifiuti una volta conosciuti con il nome di “assimilati”.

  • End of Waste: l’articolo 35 definisce le nuove regole per le procedure di cessazione di qualifica di rifiuto in mancanza dei criteri nazionali o europei caso per caso inserendo l’obbligo di assoggettare tale cessazione ad un parere di ISPRA e/o ARPA
  • Rifiuti ex assimilati: l’articolo 36, comma 1, lettera a) sancisce l’eliminazione del termine “assimilati” dal 152/06
  • Rifiuti – Responsabilità: l’articolo 36, comma 1, lettera c), introduce l’attestazione di avvio a smaltimento/recupero e non solo a smaltimento come precedentemente indicato dall’articolo 185 del Dlgs 152/2006
  • Rifiuti – Sistema di tracciabilità: l’articolo 36, comma 1, lettera d) prevede l’uso della dicitura comunicazione “di invio a recupero” e non più “di avvenuto recupero” dei rifiuti
  • Rifiuti – Rifiuti da assistenza sanitaria: l’articolo 36, comma 1, lettera e) stabilisce che, tra i rifiuti prodotti nel luogo di produzione dei rifiuti da assistenza sanitaria domiciliare, vengano contemplate anche le attività svolte al di fuori delle strutture sanitarie di riferimento su mezzi appositamente attrezzati o in strutture con apertura saltuaria

Altra novità sul tema VIA (Valutazione Impatto Ambientale). L’articolo 22 e l’articolo 23 introducono due nuovi procedimenti, il PUA e il PAUR: in fase preliminare il PUA (Provvedimento Autorizzatorio Unico Ambientale) andrà a ricomprendere solo le autorizzazioni di cui al comma 2 dell’articolo 27 (quali Aia, autorizzazione agli scarichi nel sottosuolo e nelle acque sotterranee, autorizzazione paesaggistica, etc.) mentre, il Provvedimento Autorizzatorio Unico Regionale (PAUR), regolerà i progetti sottoposti a VIA regionale.

Di seguito il testo integrale del D.L. 77/21

Roberto Ribaudo
COO di Computer Solutions

Articoli recenti

Seguici sui social

Seguici su Facebook
Seguici su Instagram
Seguici su Linkedin
Seguici su YouTube

Continua a leggere…

  • Decreto 27 Settembre 2022, n. 152
    31 Ottobre 2022 |

    Chiariti i criteri in merito alla “cessazione della qualifica di rifiuto dei rifiuti inerti da costruzione e demolizione e di altri rifiuti inerti di origine minerale” È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il tanto atteso [...]

    LEGGI
  • 3 Ottobre 2022 |

    APPROVATO IL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE “DISPOSIZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE AL DECRETO LEGISLATIVO 3 SETTEMBRE 2020, N. 116 A soli 2 anni dalla pubblicazione del Decreto correttivo n. 116, del 3 settembre 2020, il Consiglio dei Ministri, [...]

    LEGGI
  • rifiuti inerti
    25 Luglio 2022 |

    Firmato, ma in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, il Decreto Ministeriale del MITE che stabilisce i criteri specifici nel rispetto dei quali i rifiuti inerti dalle attività di costruzione e demolizione e i rifiuti inerti di origine minerale sottoposti a [...]

    LEGGI